Orari: siamo a tua disposizione dal Lunedì al Venerdì 9-19, il Sabato su appuntamento.

Parità di Genere. Interventi Formativi con Oxfam e gli Stakeholder

parità di genere

A mo’ di introduzione

Cominciamo dalla fine, come fanno i  romanzieri e i poeti, da Proust a Dante: cominciamo da “ora”. Cosa succede per le parità di genere? Questo autunno partirà, per Oxfam Firenze,  un percorso formativo sulle parità di genere che interesserà i collaboratori della Onlus. Le ragioni del perché Oxfam Firenze si sia interessata ad azioni interne sulle parità di genere nascono da lontano.  La volontà  di Gender Improvement all’interno del tessuto professionale della Onlus ha come obiettivo quello di rendere la consapevolezza di genere un elemento costante della qualità professionale e relazionale.   Per farlo al meglio abbiamo riflettuto sulle pratiche il 21 Giugno scorso con il contributo imprescindibile di Methodos  e i più importanti Stakeholders. Il Workshop si è intitolato “Verso il cambiamento”: ci siamo interrogate/i sulle modalità per mutare la ‘percezione della differenza di genere’ in azioni di ‘uguaglianza di genere’.

“That’s the point”∗ 

Di MatiasDelCarmine ID immagine vettoriale stock royalty free: 671080402 Sono emersi input di  un percorso di Gender Accountability che  è basato su 3 pillars. 1. Gender Knowledge Percepire il genere e le strutture di discriminazione ⇒  come si è formata l’abituazione alla discriminazione culturale del femminile. 2. Emersione degli stereotipi relazionali Rendere emergenti le convinzioni sulle tematiche paritarie ⇒ come e quanto discriminiamo? parole e azioni ipodiscriminanti 3. Re-learning empatico-cognitivo Re-imparare modalità di pensiero e azione  paritari ⇒ attivare pratiche di gender vigilance  che modifichino opinioni e azioni. In sostanza non si produce parità di genere senza un potere paritario. Il tal senso il mio speech sulla Critica intorno all’esercizio del potere voleva rendere emergenziale (e fare emergere!)  la misoginia culturale. Dai greci ai latini, dalle religioni alla filosofia di Shopenhauer, dalla letteratura di Shakespeare a quella di Saba, da Freud a Otto Weininger, la discriminazione di genere è  tanto ovvia da risultare inavvertita.

TEST Cosa ci vedi? 

Alcuni messaggi sono infatti inavvertiti (il termine è “ipotestuali”), cioè sottesi al dialogo semico, sia testo o immagine. Vediamo, ad esempio, questo spot: Come definiresti questa pubblicità? È possibile tu non percepisca nulla di particolare e i motivi non dipendono da te o dalla tua sensibilità.  Analizzeremo come e perché questo avviene e le opinioni che emergono. Questo offrirà a chi seguirà il corso un vantaggio cognitivo ed emotivo nella comprensione rappresentazionale del femminile in un contesto professionale e produttivo. Decostruire e ricostruire un diverso modo di rappresentare il femminile, in una ottica di rispetto e parità di genere
  • migliora i rapporti professionali
  • rende più efficiente il team di lavoro
  • risponde inoltre a precise norme etiche
  • agisce sul Client Branding (la metà sono donne)
Non solo, aumenta il profitto aziendale, come dimostrano le ricerche del Winning Women Institute  Inoltre ha una ricaduta rappresentazionale sul Brand e sul suo Fame Guarding. Non bisogna mai dimenticare che la metà del genere umano è femminile e sempre di più il tema della parità di genere influisce sui consumi e sull’oriented customer.

Infine: parità di genere nelle organizzazioni.

Sono utili strumenti di comprensione e decostruzione del canone sessista. Come ? Attivando pratiche di vigilanza di genere nelle strutture professionali e aziendali. La Gender Door serve per supportare e monitorare il Gender Equality e il Gender Wellbeing all’interno del luogo di lavoro. Ecco di cosa si occupa la Gender Door
  • monitoraggi sui comportamenti discriminatori
  • episodi di molestie verbali e relazioni aggressorie
  • ascolto di problematiche legate alle norme di conciliazione
  • empowerment femminile e minority stress
  • leadership e percezione
Ricordiamoci questi tre aspetti
  1. Le aziende e le organizzazione più paritarie sono più efficienti
  2. La discriminazione costa. I costi della discriminazione sono diretti e indiretti quantificati in miliardi di euro nel nostro Paese
  3. Investire sul Gender Equality & Wellbeing ha enormi vantaggi: quello competitivo, quello emotivo e quello comunicativo.
Capirlo è il primo passo. Dal secondo, si vola.

Nb: in questa foto ad applaudire è un uomo.

Post Scriptum: ‘That’s the point’ è la prima versione del famoso “quello è il dilemma”  del monologo amletico. Ve lo ricordate? “Essere o non essere”, si domandava Amleto. La risposta è ovvia: ESSERE. ED ESSERE PARITARI
By |2018-10-25T18:18:58+00:0024 Settembre 2018|